top of page
  • Immagine del redattoreLorenzo Boni

La motivazione: 2 aspetti fondamentali


Molto spesso i manager e leader che lavorano in azienda mi rivolgono questa domanda:

“come posso migliorare la motivazione dei miei collaboratori?”


La domanda è davvero interessante così ho deciso di condividere alcune mie riflessioni per aiutare tutti coloro che desiderano fare un passo avanti su questo importante aspetto della gestione dei collaboratori.

Per iniziare vorrei che tu immaginassi di seguire un gruppo di bambini che giocano a palla …

La palla contiene naturalmente l’aria ed è proprio questa che gli dona tutta la leggerezza e l’elasticità per poter essere utilizzata nel gioco! Ecco in un certo senso l’aria contenuta nella palla è la motivazione!


Ma cosa succede se all’improvviso la palla si fora?

Forse all’inizio si fatica a vedere la differenza ma poi tutto diventa più pesante, lento e difficile …

Per aiutare i bambini a continuare il loro gioco la prima cosa che ti può venire in mente è quella di prendere una pompa e gonfiare la palla.

Questo all’inizio funziona ma la forza del gioco e la pressione interna allargano il buco rendendo meno efficace un successivo intervento.


Cosa fare allora?

Ho utilizzato questa similitudine per sottolineare quanto è importante prima di tutto evitare di creare delle situazioni dove la motivazione si disperde a causa di qualche “foratura” (probabilmente se lavori in una azienda ne hai una tua realtà di quali potrebbero essere).

Il secondo aspetto è quello di sapere a quale gioco stanno giocando e in quale ruolo.

Anche i bambini, così come gli adulti, hanno le loro preferenze.

Se giocano a calcio dopo aver appreso le regole base si dividono a secondo di quello che gli piace fare di più (attaccante, portiere, difensore, …) e se qualcuno si trova in un ruolo nel quale proprio non gli piace giocare anche con la palla più bella e gonfia del mondo più di tanto non si divertirà.

Per migliorare la motivazione dei tuoi collaboratori puoi agire quindi su due aspetti:

  • Esterni ovvero creando le migliori condizioni di gioco possibile (anche i più bravi giocatori potrebbero perdere la voglia se utilizzano dei palloni sgonfi)

  • Interni ovvero individuando i ruoli, i compiti o progetti che possano essere utili a sviluppare le potenzialità dei giocatori in campo.

E tu quale esperienza hai rispetto a questo importante aspetto del lavoro in azienda?


Lasciami un tuo commento il tuo punto di vista è Benvenuto!

0 commenti

Commentaires


bottom of page